Josè Mourinho (photo Bertea)
Josè Mourinho (photo Bertea)

Questa l'intervista di José Mourinho, rilasciata a Gameplan-a.com, portale dell'Adidas, sponsor dello Special One. 

La sua vita prima di entrare nel mondo del calcio
“Ero uno studente abbastanza bravo. Ho ottenuto un posto all’Università di Economia e sono andato a lezione, ma dopo un paio di settimane ho deciso che non faceva per me(poi è tornato sui banchi per frequentare Scienze Motorie). C'è stato un periodo, prima che diventassi un professionista nel calcio, in cui ero un insegnante e ho imparato molto su cose diverse. Ho insegnato anche a bambini con sindrome di Down, è stata un’esperienza davvero straordinaria e mi ha fatto capire tantissimo”.

L’importanza di conoscere più lingue
“Non è possibile essere un top allenatore di calcio senza parlare più lingue. Il calcio è diventato universale. Nello spogliatoio hai ragazzi di molte nazionalità diverse, e ovviamente devi imparare la lingua madre del paese in cui ti trovi. Alla fine, per avere più empatia e comunicare meglio con le persone con cui stai lavorando devi essere davvero bravo in diverse lingue”.

L'esperienze con Robson e van Gaal 
"Aveva bisogno del mio aiuto a quel livello e un assistente deve essere un assistente. Anche adesso dico ai miei assistenti: dovete fare qualsiasi cosa per il vostro capo, proprio come ho fatto io. Ho lavorato con Sir Bobby Robson in Portogallo e poi sono andato con lui a Barcellona nel 1996. Per un giovane come me è stata un’esperienza incredibile. Poi sono stato un assistente del signor van Gaal, che era un allenatore completamente diverso da Sir Bobby e questo mi ha reso consapevole di due filosofie completamente opposte. Nel 2000, quanto ho lasciato il Barcellona ero consapevole di essere pronto ad allenare, sapevo che non c'era modo di tornare più indietro".  

La Coppa UEFA e la Champions con il Porto
“Era una squadra con un solo calciatore di alto livello, Vítor Baía, che aveva giocato per il Barcellona l'anno prima. Poi c'ero io, l'allenatore, che all'epoca ero un ragazzino. La maggior parte dei giocatori proveniva da piccoli club portoghesi. Nessuno si aspettava nulla da noi, fu una vera sorpresa. Vincere la Champions League l'anno successivo non era più uno shock perché ormai sapevamo cosa avevamo fatto l'anno prima e sapevamo cosa potevamo fare. È stata solo una conseguenza di così tanto talento insieme". 

Cosa significa vincere per Mourinho
Quando vedo i colleghi lottare contro una retrocessione e riuscire a mantenere la propria squadra nella divisione, per me significa vincere. Vincere non significa necessariamente essere il ragazzo che vince la coppa. vincere non significa portare a casa una medaglia o una coppa. Conosco un sacco di colleghi che non hanno mai vinto un trofeo, ma hanno raggiunto i loro obiettivi. Per me loro sono degli allenatori vincenti. Vincere è la cosa più importante nel calcio, non serve trovare scuse o professare filosofia, serve essere un vincente". 

Gestire i giocatori di alto livello:
“Devi avere una forte personalità per dire: ok, io sono il capo, faccio le decisioni. Questo non è negoziabile. Se le sessioni di allenamento iniziano alle 10:00 del mattino, non aspetto un solo minuto. Anche se sei Diego Maradona, che non ho mai avuto il piacere o l’onore di allenare, se si inizia alle 10:00, devi essere pronto per le 10:00. La squadra è la cosa più importante, anche se sei il miglior giocatore del mondo. Ognuno deve seguire le regole e mostrare il rispetto per i colleghi. Come allenatore, devi essere sia soft che duro. Forse soft non è la parola giusta. Devi essere aperto, molto aperto a ciò che pensano i giocatori, a ciò che i giocatori sentono, e non solo attenerti alle tue idee, perché lavori con un gruppo. Il gruppo deve avere una voce: ha bisogno di avere un’opinione, di condividere. E devi essere aperto con i giocatori per farli funzionare come squadra”.

L'equilibrio è la chiave:
“Se vinci tre partite di fila, puoi pensare di essere in paradiso… magari poi arriva una sconfitta. Perdi due, tre partite di fila, ma non sei all'inferno, perché uscirai da questo momento buio e vincerai di nuovo. È molto importante mantenere l’equilibrio e questo è qualcosa che ho imparato molto con l’esperienza. Penso che più esperienza hai, più sei equilibrato e più i giocatori ti guardano e vedono una roccia, come qualcuno di cui possono fidarsi. Empatia significa tutti insieme nello stesso progetto. Un club è fatto di molte persone. Proprietari, direttori, allenatori, giocatori. Tutti. Empatia per me significa che tutti stanno andando nella stessa direzione”.

Il segreto del successo
“Direi, preparati il meglio che puoi. Non fare tutto in fretta, troppo presto, perché è molto difficile. Quindi, quando prendi il tuo primo lavoro da allenatore, devi essere pronto. Se non sei pronto per il lavoro, lo perderai velocemente”.


💬 Commenti

DIESROMAE è una testata giornalistica di proprietà di Claudio Capuano, Alberto Fiano, Cristiano Martinali. Autorizzata del Tribunale di Roma n. 285/2017.
P.IVA: 09396411002
Iscritto al registro operatori di comunicazione n.35762 – Numero autorizzazione lega calcio stagione 2020/21 n. 29
La nostra testata nasce con l intento di informare quotidianamente tutti gli appassionati sportivi sulle notizie inerenti l As Roma.

Tutti i testi e le immagini presenti in questo sito sono coperti da copyright. Ogni utilizzo non autorizzato, in qualsiasi forma e contesto, sarà ritenuto illegale e dunque perseguito a norma di legge

Powered by Slyvi