Sergio Pellissier (Ex giocatore del Chievo): “Zaniolo mi piace in ogni ruolo. Abraham deve avere la possibilità di crescere e di sbagliare”

Sergio Pellissier, ex giocatore del Chievo e presidente del Chievo 2021, ha rilasciato un'intervista per DiesRomae. Queste le sue parole sulla Roma e sulla Nazionale di Mancini:

Scritto da Martina Stella  | 
Ex attaccante Chievo - Presidente del Chievo 2021

Che cosa ne pensa di Zaniolo come centravanti?
“A me Zaniolo piace in tutti i ruoli, è un giocatore dotato di grande qualità. Purtroppo gli infortuni hanno frenato la sua crescita in questi anni ma ha tanto da dare al calcio italiano. E’ un giocatore jolly e può fare tutti i ruoli”.

Tammy Abraham

Le piace il nuovo acquisto Tammy Abraham?
“È un attaccante che mi piace, ma bisognerà vedere se riuscirà a fare 20 gol a stagione. Deve avere la possibilità di crescere e di sbagliare, lui ha tanta personalità e non avrà problemi nel subire la pressione dei tifosi. Mourinho dovrà fare un grande lavoro con lui”.

Josè Mourinho a Trigoria il giorno del suo arrivo a Roma

È difficile affrontare le squadre di Mourinho?
“Innanzitutto Mourinho è una persona straordinaria, ti fa i complimenti quando fai bene e soprattutto sa gestire un gruppo. Lui nelle difficoltà si esalta e la Roma ha bisogno di allenatori con una personalità elevata come in passato con Capello e Spalletti”.

La Roma arriverà tra le prime quattro?
“Questo non si può dire ancora, nelle prime partite mi ha fatto una buona impressione e ho visto un grande gruppo unito”.

Si è mai pentito dei goal fatti alla Roma?
“No perché quando segni alle grandi squadre vieni ricordato da tutti a differenza di quando segni alle piccole (ride n.d.r.)”.

Parlando di Nazionale, l’Italia si è montata la testa dopo la vittoria dell’Europeo?
“Penso di no, ma è normale che dopo una vittoria così importante ci sia un calo mentale, anche perché è passato veramente poco tempo. Dopo aver affrontato Inghilterra, Spagna e Belgio è difficile trovare stimoli quando si affrontano squadre minori, ma nonostante tutto l’Italia non perde mai e questo dimostra che è una squadra difficile da battere”.

Crede che ci sia un problema in attacco?
“Contro la Svizzera non ho visto la partita, con la Bulgaria non era facile segnare perché gli spazi erano chiusi ed era difficile riuscire a creare occasioni da goal. Immobile è un grande attaccante ma nel modulo di Mancini fa fatica, nella Lazio segna molto perché tutti giocano per lui, mentre in nazionale ci sono anche Chiesa e Insigne che cercano spesso azioni individuali”.

Manca un giocatore come Bobo Vieri?
“Ogni giocatore ha le sue qualità e Immobile non riesce ad esprimerle bene in Nazionale. Vieri e Inzaghi erano attaccanti diversi ma i nostri sono forti, basta saper sfruttare le loro qualità. Anche Belotti è un grandissimo attaccante”.

Che cosa pensa di Ribery alla Salernitana?
“La salernitana ha fatto un ottimo acquisto. Ribery mi ha sempre fatto divertire ed è un giocatore con tanta qualità, al Bayern Monaco ha fatto cose straordinarie. E’ bello che profili del genere siano in Serie A, nonostante gli infortuni sono contento che sia tornato in campo”.

Martina Stella

 

 

 


💬 Commenti