Maxi-incendio Malagrotta

Scritto da Anna Grossi  | 

Un’alta nube di fumo nero e un forte odore di bruciato, così è scattato l’allarme in tutta Roma per un incendio scoppiato intorno alle 17:30 a ridosso della discarica di Malagrotta.

Le cause sono ancora da accertare ma sembra che l’incendio sia divampato in via di Malagrotta in prossimità del centro di smaltimento, all'interno di un capannone alloggiato a fianco del gassificatore in disuso.  A bruciare sembra sia la vasca di stoccaggio del carburante del Tmb, balle di rifiuti da mandare nell’impianto per essere trattate. Una colonna di fumo si è alzata verso il cielo, visibile da chilometri di distanza, e nell'area circostante all'impianto si è diffuso un forte odore di bruciato. A dare l'allarme sono stati gli stessi operatori dell'impianto con tante telefonate dei cittadini spaventate dall'enorme nube. C’è anche grande paura sulla possibile tossicità del rogo e la colonna di fumo nero è così alta da aver allertato la torre di controllo di Fiumicino per possibili conseguenze sul traffico aereo. Da verificare l'entità dei danni e le possibili conseguenze.

Si sta tentando di evitare che le fiamme si propaghino nei campi - dichiara Riccardo Ciofi della Fns Cisl Roma Capitale e Rieti - la situazione all’arrivo sul luogo è apparsa subito molto complessa ed è tuttora in via di evoluzione tanto che sta richiedendo l’invio sul posto di attrezzature specifiche per lo spegnimento dell’incendio.  Sono in arrivo anche ulteriori mezzi in quanto il deposito centrale di Malagrotta è quello più capiente. In arrivò sul luogo anche il comandante provinciale a supervisionare le operazioni di spegnimento da parte dei vigili del fuoco di Roma".
Si dice intanto pronto ad aprire prima del tempo l’impianto di Aprilia nel caso Roma dovesse averne necessità.


💬 Commenti