Ufficiale la norma anti spese folli, eccezione per le neopromosse

Scritto da Martina Stella  | 
Ora la norma "anti spese folli" è ufficiale. Dopo il via libera del consiglio federale, ieri è stata pubblicata sul sito della Figc con tutti i dettagli, scrive Valerio Piccioni su La Gazzetta dello Sport. La filosofia del provvedimento fortemente voluto da Gravina è chiara: nella prossima stagione i club di Serie A e di Serie B non potranno spendere per il monte ingaggi (tutto il personale "sportivo") più della cifra di quest’annata. A meno di non tirar fuori "idonea garanzia", cioè una fideiussione, a copertura dell’eccedenza. In pratica, puoi spendere, ma senza fare debiti che inguaiano le società. E al 15 febbraio 2022, i recidivi pagheranno una multa non inferiore al 20 per cento dell’eccedenza non garantita. Ci sono delle eccezioni. Chi è promosso, dalla C alla B e dalla B in A, potrà alzare il massimale del 60 per cento rispetto alle spese di questa stagione. Chi retrocede dovrà abbattere la cifra del 30 per cento.

💬 Commenti