Nuno Campos: "Un onore aver rappresentato la Roma. Milan? Avevamo capito che era destinato a crescere"

Scritto da Martina Stella  | 

Nuno Campos, fino alla scorsa stagione assistente di Fonseca alla Roma, da quest'anno allena in prima persona, al Santa Clara in Portogallo. Ascoltato dal sito per parlare del Porto, battuto in Coppa di Portogallo e prossimo avversario del Milan in Champions, Nuno Campos parla anche della Roma durante l'intervista. Queste le sue parole:

Parliamo del Milan, allora. Lo ha affrontato con la Roma, si aspettava questo miglioramento esponenziale?
"Avevamo capito che era una squadra destinata a crescere. Può succedere di tutto, quando hai un ottimo allenatore e giocatori di qualità. Non sono sorpreso"

Questa è la sua prima stagione come allenatore in prima. Cosa aspettarsi?
"Ho le idee chiare, voglio costruire una squadre che sappia giocare un calcio che la gente si ferma a guardare. Se raggiungiamo gli obiettivi che ci prefiggiamo, possiamo vincere tutte le partite. Voglio che le mie squadre dominino il gioco, con tanto possesso palla. Sarò felice solo quando la mia squadra giocherà un calcio offensivo attraente"

Con Fonseca, ha allenato per diverse stagioni all’estero. Come ha ritrovato il massimo campionato portoghese? Il gap con i Big5 è così ampio?
"È un campionato di altissima qualità. La differenza coi Big5, secondo me, non riguarda la qualità, né degli allenatori né dei giocatori, ma tutto quello che circonda questi campionati. Parlo dei media, dell’ambiente, dei soldi: sono questi a fare la differenza, non la qualità"

Ultimo passaggio sulla Roma. Che ricordi si terrà dentro?
"Ho amato lavorare per la Roma. Per il club, per la città, per i tifosi. È una grande società, è stato un onore poter rappresentare i giallorossi. È un grande orgoglio per me poter dire di aver rappresentato la grande Roma"


💬 Commenti