Mourinho: "Dopo la sconfitta contro il Napoli c'era in ballo l'orgoglio, abbiamo giocato bene gran parte della partita. Contro il Ludogorets ci aspettiamo l'aiuto dell'Olimpico"

Scritto da Leonardo Cocchi  | 
Josè Mourinho (photo Bertea)

Nel post partita di HJK Helsinki-Roma ha parlato il tecnico giallorosso José Mourinho.

Mourinho a Sky

Si è divertito, è soddisfatto?
“Non mi sono molto divertito, ma sono soddisfatto. Sapevamo il risultato del Ludogorets e sapevamo che ogni risultato avrebbe lasciato tutto aperto. C’era in ballo l’orgoglio, avevamo perso contro il Napoli e abbiamo fatto una bella partita in certi momenti. Volpato ha debuttato dall’inizio, Faticanti ha giocato la prima con la sua amata Roma, nessun infortunio a parte la sorpresa Ibanez, era malato ed è rimasto in albergo. Dobbiamo sopravvivere con questi problemi, dovevamo arrivare vivi all’ultima e ci aspettiamo l’aiuto dell’Olimpico come hanno fatto l’anno scorso contro il Bodø/Glimt, abbiamo bisogno di una vittoria”.

La Roma si è abituata a giocare questi scontri diretti?
“Sono partite utili, ci siamo messi in una situazione con pressione dopo la sconfitta contro il Ludogorets e maggiormente quando abbiamo perso contro il Real Betis. Avevamo l’obbligo morale di vincere anche per la gente di Roma che deve risparmiare quanti più euro possibile per vedere vincere la Roma anche qui”.

Zalewski e Volpato hanno creato buone azioni nel primo tempo. Questa freschezza fa bene al calcio italiano?
“Sì, anche a me stesso. Ho allenato squadre dove era difficile far giocare i giovani, c’erano tanti campioni e per me è un piacere far crescere questi ragazzi. Arriveranno altre possibilità come per Cassano per esempio, o anche Tahirovic che sarà in panchina a Verona. A Trigoria fa un piacere grande vedere questi ragazzi, l’importante è che questi ragazzi non perdano la testa, i giovani sono molto importanti per noi ma non devono perdere la testa”.

Mourinho ai canali ufficiali del club

La partita?
"Mi è piaciuto il risultato e il gioco che potevamo attuare con tutte queste difficoltà. Abbiamo giocato e controllato bene gran parte della partita. Vina ha fatto una grande partita. lavora più di tutti e ha un grande cuore. Non è tanto felice da quando è arrivato qui. Così come Volpato e Faticanti hanno giocato bene. Era obbligatorio vincere anche dal punto di vista morale, per i tifosi che hanno speso soldi per venire fin qui".

La squadra ha risposto bene.
"Molto bene. Oggi è stato assente Ibanez, così come Dybala con l'Atalanta e Zalewski con il Napoli: tutti il giorno stesso della partita, quando tutto è preprato. Ha giocato Vina oggi e ha fatto una bella partita".


💬 Commenti