Mancini: "La Roma non è inferiore alla Lazio. Zaniolo è simile a Bellingham, ho visto progressi"

Scritto da Leonardo Cocchi  | 

Il CT della Nazionale, Roberto Mancini, ha rilasciato un'intervista a La Gazzetta dello Sport, di cui proponiamo un breve stralcio.

Il Marocco del campionato?
"Forse la Lazio, che non gode di grande credito: gioco diverso, ma ora è più solida dietro. Ma anche la Roma: non la vedo così inferiore alla Lazio".

Spinazzola non ancora al top: preoccupato?
 "Dopo un infortunio così, ci vuole almeno un anno per tornare quelli di prima: riavere il vero Spina per marzo sarebbe perfetto".

Lo Zaniolo che ha in testa Mancini è simile a Bellingham?
 "Ci sta: Zaniolo ha qualità per fare la mezzala, l’esterno d’attacco, la mezzapunta e nelle ultime partite ho visto progressi anche nella capacità di giocare con la squadra".

Qualche nome dallo stage di dicembre?
 "Cittadini, che ora ha bisogno di giocare in A, Faticanti, Fazzini e Oristanio del Volendam: a giugno era indietro, in sei mesi giocando titolare in Olanda è migliorato tanto. Ma mi hanno fatto una buona impressione tutti, anche quelli della Serie B".

Cosa chiede a questo 2023?
"Che non porti niente, ma non tolga più niente a nessuno, a proposito di tristezza. Semmai restituisca a Chiesa e Zaniolo, perché sia il loro anno: dopo l’Europeo praticamente non li ho avuti, con loro e il gruppo al completo possiamo ricominciare davvero a fare bene. E magari una cosa il 2023 ce la porti, la Nations League di giugno: dipende da noi, le chance ci sono. E non sarebbe male...".


💬 Commenti